Troppe persone tra Comune e ASEP

Lettera al Direttore pubblicata Domenica 28 giugno 2015

PORTO MANTOVANO
Troppo personale tra Comune e Asep
Ho letto in questi giorni l’intervista al sindaco di Porto che, purtroppo, ho molto aiutato nelle elezioni comunali 2014, sia personalmente che come partito Italia dei Valori senza chiedere alcun incarico o riconoscimento personale o per l’Idv. Scrivo purtroppo perché sindaco, giunta , Pd e Sel (la maggioranza che governa il nostro comune) stanno in gran parte facendo il contrario di quanto promesso ai cittadini in un programma che abbiamo sostenuto. Come Idv avevamo posto solo alcune richieste programmatiche precise. Ad esempio la riduzione dell’organico dei dipendenti comunali perché non aveva senso che si fosse ridotta l’attività complessiva dell’ente es: urbanistica da 300 licenze a 5/6 nel 2014 e 2013 e avere 3 persone nel settore e due ai lavori pubblici. Tuttavia hanno proceduto ultimamente all’assunzione di un ingegnere, così da 5 perché oggi i due settori sono stati unificati, si passa a 6 con un architetto, un ingegnere due geometri e due impiegate. Per cui, con l’edilizia-urbanistica ferma e lavori pubblici quasi inesistenti, ci sono ben 6 dipendenti di cui 2 laureati e due geometri. Ciò vale anche per l’anagrafe o i tributi ove ci sono esuberi evidenti rispetto alla mole di lavoro, soprattutto all’anagrafe rispetto al passato. Ricordo, perché puntualmente pubblicato sui giornalini comunali a metà anni Duemila, che nel 2004-2005 il Comune di Porto con gli stessi servizi di oggi (aveva 1.000 abitanti di meno) aveva solo 33 dipendenti, in Asep erano 22 e in Csi circa 12. Totale 67 dipendenti con un carico di lavoro in Comune e in Asep doppio rispetto ad oggi con 41 dipendenti in comune e 47 in Asep per un totale di 88 dipendenti. Addirittura l’assessore Boccanera (di fatto vice-sindaco perché si dice essere il super assessore) ha scritto sull’ultimo giornalino comunale che l’organico dei dipendenti comunali è deficitario. Sembra di rileggere Maurizio Salvarani, l’ex sindaco che, non sapendo amministrare bene, pensava poterlo fare assumendo molti altri dipendenti. Sarebbero questi i riformisti renziani di Porto. Se lo sapesse Renzi li rottamerebbe subito. Il problema è che hanno paura della loro ombra e appena il sindacato apre bocca in Comune, subito accolgono le richieste che naturalmente sono di aumento del personale. In pratica è avvenuto che il Pd ha sconfessato nel 2006 le ottime amministrazioni passate e, non sapendo gestire in modo migliore, da un lato ha aumentato il personale e dall’altro ha ridotto i servizi in Asep. D’altronde non sono riusciti a trovare a Porto amministratori idonei per Asep. Il presidente è un conoscitore di problemi del personale ma, mi dicono, non ha mai gestito un’azienda come Asep e viene da Brescia con un costo molto alto. Qui non ne avevamo? Poi c’è una brava imprenditrice agricola che c’entra nei servizi Asep come il sottoscritto a Cape Canaveral e un commercialista di Mantova membro della segreteria del Pd. Qui è tutta la debolezza del Pd di Porto.
Paolo Refolo
Consigliere Provinciale
Porto Mantovano

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...